Venezia 78: i film che aspettiamo, sperando sia finita l’epoca dei rinvii

Statistiche alla mano: la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è il festival che, più di tutti, concorre ad allungare a dismisura la nostra lista di film da vedere. Ogni anno la stessa storia: ad un paio di settimane dalle proiezioni si sa pochissimo dei film in concorso, noi speriamo quasi di essercela cavata, ed ecco che ti ritrovi a scrivere date d’uscita e a cercare trailer finché le dita non cominciano a far male per il troppo digitare. Anche quest’anno abbiamo rispettato le tradizioni e ora siamo qui a soppesare quali film inserire, e quali dovremo tradire, per non fare un articolo lungo come la pagina Wikipedia di Donald Trump.

Visto che, come annunciato, la discussione si prospetta abbastanza lunga, non ci dilunghiamo oltre e cominciamo a parlarvi dei film del festival, divisi in categorie, che aspettiamo di più. Avvisiamo che abbiamo preferito, tranne che per un paio di eccezioni, inserire film che hanno una data di uscita già pianificata, anche perché su alcuni dei lungometraggi presentati le informazioni sono abbastanza scarne e di trailer manco a parlarne.

CONCORSO

FREAKS OUT (Gabriele Mainetti) – 28 Ottobre 2021

Non stiamo neanche più a ripetere da quanto aspettiamo questo film: quando è uscito il trailer abbiamo brindato come si fa a Capodanno e alla notizia della presentazione a Venezia è partito il trenino col distanziamento sociale. Noi sappiamo che dopo il successo di Jeeg Robot le aspettative sono davvero altissime, ma ad un certo punto abbiamo seriamente creduto che Mainetti non sarebbe mai riuscito a finirlo, perché un film ricco di effetti speciali e ambientato negli anni ’40 non è che è roba da du’ spicci, e quindi per noi lui ha già vinto anche solo per avercela fatta. In fondo, l’importante è partecipare e noi contiamo i giorni che mancano per poterlo apprezzare al cinema, sperando che le sale italiane lo supportino e non ci costringano a replicare il viaggio di Ulisse per poterlo vedere.

É STATA LA MANO DI DIO (Paolo Sorrentino) – 24 Novembre (in sala) e 15 Dicembre (Netflix)

Altro titolo, altro lungometraggio italiano. Dopo un piccolo break per una piccola serie tv, Sorrentino si unisce ai dominatori dello streaming a Netflix per quello che è, a tutti gli effetti, il suo Amarcord: il film più personale tra vicende familiari, la Napoli degli anni ’80 e, naturalmente, Maradona. Dalle prime immagini è chiaro che c’è il Sorrentino che tutto il mondo ci invidia, ma è anche chiara la presenza di qualcosa di nuovo, come se il regista sia arrivato ad una nuova maturità artistica. C’è anche qualcosa di Roma di Cuarón: non solo per la distribuzione affidata al colosso dello streaming, che ha aiutato il regista messicano a portare a casa ben 3 Oscar; ma anche per la difficile decisione di mostrare al mondo la propria casa, le proprie origini e la propria storia personale.

QUI RIDO IO (Mario Martone) – 9 Settembre 2021

Da meridionali quali siamo, qui non è soltanto una questione di qualità, ma di orgoglio partenopeo che va celebrato.

Mo ce ripigliamm’ tutt’ chell che è ‘o nuost. [cit.]

MADRES PARALELAS (Pedro Almodóvar) – 28 Ottobre

Ammettiamo di non essere le più grandi ammiratrici di Almodóvar, per una serie di ragioni che non stiamo qui a specificare. Però il cinema di qualità va sempre promosso, apprezzato e celebrato e quindi ci togliamo il cappello e ci inchiniamo davanti all’ennesimo meritato successo dell’uomo capace di portare il cinema spagnolo in tutto il mondo.

AMERICA LATINA (Fabio e Damiano D’Innocenzo) – Novembre 2021

Possono piacere o meno, ma non si può negare che stanno rivoluzionando il panorama cinematografico italiano che, fatevelo dire, aveva davvero bisogno di una svecchiata. Il protagonista è di nuovo Elio Germano, che noi adoriamo in qualsiasi versione e che fa volare il film in cima alla nostra lista di film da vedere. Non c’è ancora una data precisa per l’uscita del film, ma vi prego dateci un trailer.

ILLUSIONS PERDUES (Xavier Giannoli) – Un giorno uscirà

Questo è quel film che ai festival piace ad istinto, senza un apparente motivo. Non sai nulla del regista, degli attori, né tantomeno della storia ed il trailer è in una lingua che non parli e senza sottotitoli, ma ti attira lo stesso. La nostra curiosità è salita esponenzialmente quando abbiamo capito che è un adattamento da un romanzo di Honoré de Balzac.

IL COLLEZIONISTA DI CARTE (Paul Schrader) – 3 Settembre 2021

Siamo oneste: guardando il trailer non avremmo dato a questo film neanche l’ombra di una possibilità. E no, non è stato il nome di Paul Schrader a farci rivalutare la nostra opinione sul film; ma i primi pareri di critici di cui ci fidiamo(gente molto più professionale di noi) hanno parlato di un lungometraggio fenomenale e di un cast eccezionale e così la nostra curiosità è stata riaccesa ed eccoci qui ad inserire il film in questa lista, sperando di non aver fatto un errore.

FUORI CONCORSO

LA SCUOLA CATTOLICA(Stefano Mordini) – 7 Ottobre 2021

Il film è basato sul romanzo di Andrea Albinati e racconta il Delitto del Circeo, ma non è tanto questo che ci interessa di questo film; ma piuttosto il fatto che parta dalle colpe imputabili all’ambiente circostante e all’educazione nel rinforzare una mascolinità tossica, che è poi degenerata in quella che è una delle più orribili pagine della cronaca nera nazionale.

ULTIMA NOTTE A SOHO (Edgar Wright) – 4 Novembre 2021

L’attesa per i film di Edgar Wright è direttamente proporzionale a quanto capisci dei suoi bellissimi trailer.

E dopo questi 2 minuti inquietanti abbiamo capito che non vediamo l’ora di vederlo, preferibilmente di giorno e se possibile in un ambiente ben illuminato.

DUNE (Denis Villeneuve) – 16 Settembre

Il film più atteso del 2020. E no, non abbiamo sbagliato a scrivere l’anno. Questo per farvi capire da quanto tempo noi aspettiamo di poterci sedere al cinema per contemplare il nuovo film di Denis Villeneuve e il supermegaextra cast, capitanato da Timothée Chalamet, che ha messo insieme per questo piccolo progetto alla Warner. Non solo visivamente accattivante, ma anche basato su un romanzo che ha letteralmente ispirato TUTTE le serie di fantascienza conosciute all’uomo: non ci sarebbero Star Wars e Star Trek senza Dune di Frank Herbert. Davvero lungimirante la scelta di affidare il film a Villeneuve, di cui vi consigliamo di recuperare Arrival e Blade Runner 2049, che sono tra i nostri film preferiti.

SCENES FROM A MARRIAGE (Hagai Levi) – Dal 20 Settembre su Sky Atlantic

Non pensiamo di dover dare troppe spiegazioni sul perché aspettiamo questa serie con Jessica Chastain e Oscar Isaac. Ma li avete visti? Bravissimi, bellissimi e affiatatissimi: ma che volete di più dalla HBO?

We are in love.

SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA

MONDOCANE (Alessandro Celli) – 3 Settembre 2021

Se qualcuno, dieci anni fa, ci avesse detto che ci sarebbe stato un film distopico in Italia gli avremmo riso in faccia. E invece eccoci qui, a parlare del nuovo film, ambientato in una Taranto abbandonata e controllata dalle gang, con Alessandro Borghi, stavolta a capo di una banda di ragazzini, coi baffi e un taglio di capelli dal dubbio gusto. Adoriamo.

Questi sono i titoli che noi attendiamo di più, ma siamo davvero curiose di sapere se ci sono altri film presentati in questi giorni che aspettate con impazienza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...