Cruella – Tutto molto bello, ma … (SPOILER)

Il film Live – Action dedicato alla nascita della crudele villain de “La carica dei 101” è ora disponibile senza accesso Vip su Disney+ e noi siamo qui, con SPOILER, pronte per parlarvene.

La vita di Estella è stata sin dall’infanzia molto difficile, a detta sua nessuno riusciva a riconoscere il suo genio creativo. A scuola combinava solo guai e finiva sempre dal preside, ormai abituato a segnarle macchine nere sulla condotta. Venne espulsa e insieme alla madre, Catherine, partì per Londra dove sognava di poter diventare una stilista di moda di successo.

Durante il viaggio fecero una sosta, fatale diremmo noi, a casa di una facoltosa donna che aveva le capacità finanziarie per aiutare la famiglia allo sbando. Questa donna era la Baronessa. Catherine quella notte muorì cadendo dalla scogliera, dopo che uno dei cani, dalmata, le si aizzò contro. La bambina se ne prese la responsabilità e scappò a Londra dove conobbe Jasper e Horace, orfani come lei e dediti al furto.

Crescendo Estella avrà l’occasione della sua vita, lavorare come stilista per la Baronessa in persona, dove scoprirà che una collana appartenente forse a sua madre ora è in possesso della facoltosa donna. La nostra protagonista tenterà di sottrarglielo nascondendo la sua identità e presentandosi come Cruella.

Dopo tante apparizioni in pubblico come Cruella, lei e la Baronessa si dichiareranno guerra per chi ha lo stile migliore, scoprendo a conclusione della pellicola di essere madre biologica e figlia e non solo, che la seconda uccise la madre adottiva della prima.

Il film si conclude con Cruella che seppellisce in tutti i sensi la sua vecchia identità di Estella e si impossessa della Magione della Baronessa e di tutti i suoi averi riuscendo a mandarla in prigione.

Fino a qui tutto bene, un pò di richiami a “Il Diavolo veste Prada” quà e là, ma tutto ok. Il problema, però, è che Estella o Cruella che sia, non sembra la Crudelia che conosciamo noi. È più vendicativa che crudele e soprattutto è molto insicura. Emma Stone, bravissima attrice e siamo tutti d’accordo, interpreta una Cruella che forse crede ancora poco nelle sue capacità di villain e pare solo la vittima della situazione che agisce per vendetta senza una cattiveria “reale”, se ci passate il termine. Siamo sicure che sia una questione di scrittura del film e non di recitazione comunque. Quindi si, tutto molto bello ma … questa non è Crudelia De Mon/ Cruella DeVil! È solo una povera sfortunata, nata chissà perché con i capelli metà neri e metà bianchi e che ha vissuto una vita infelice e piena di colpi di scena manco Beautiful.

Parliamone di questi capelli bigusto. Perché non ci hanno spiegato la loro origine? Durante il film sembra quasi che sia una cosa naturale, normale. Forse una volta le dicono di nasconderli, come se fosse qualcosa di strano, ma poi basta. Avremmo sinceramente preferito sapere il perché, magari si trattasse di un fatto genetico o che forse se li fosse tinti crescendo come scelta di stile. Niente risposta.

Passando allo stile, del film però, riteniamo sia molto interessante. Tutto ben curato e pulito dal punto di vista della messa in scena. I costumi sono bellissimi e il character design dei personaggi è particolare, ispirato forse allo stile Punk Rock della stilista Vivienne Westwood degli anni ’80.

Ripetiamo, tutto molto bello ma manca qualcosa. Se volevate scrivere una storia carina su una stilista che riesce a spopolare nella moda grazie al suo genio creativo e alla sua verve, ci siete riusciti… ma non siamo d’accordo che questa possa definirsi la genesi del personaggio di Crudelia De Mon perchè a fine film lei non è la villain che conosciamo, neanche un pò.

A conclusione, consigliamo comunque la visione di questo film perché è ben confezionato, basta cercare di non considerarlo collegato ai cartoni Disney.

Post scriptum

Ma quindi Pongo e Peggy/Perdita sono fratelli? E soprattutto, che senso ha donare a Roger e Anita i cuccioli dei suoi dalmata per poi in un futuro, chi lo sa ormai, volerseli riprendere per farci una pelliccia? Boh! Contenta lei…

Alla prossima recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...