Top&Flop Film 2020, o forse Top&Flop Gennaio-Febbraio. Più onesto.

La fine del 2020, per fortuna ci sentiamo di dire, si avvicina e, nonostante l’annata nera per il cinema su cui non vogliamo neanche dilungarci per non intristirci, ecco a voi le nostre considerazioni sui film dell’anno. O meglio di Gennaio e Febbraio, pochi ma buoni insomma

Torna Top & Flop, con tanti commenti non richiesti e le nostre solite linee guida che potete riguardare qui sotto. Sono sempre le stesse da quando questa rubrica ha memoria e quindi se siete già pratici, saltate senza remore ed andate alla parte di sostanza.

  • I film presi in considerazione sono quelli visionati dalla redazione e usciti in ITALIA dal 1° Gennaio 2020 (con una delega al 24 Dicembre) al 31 Dicembre.
  • Quando scriviamo top&flop non intendiamo il tutto in maniera assoluta e con flop intendiamo prevalentemente i titoli da cui ci aspettavamo di più; che ci hanno deluso, non film orribili che dovrebbero dissolversi nell’etere.
  • Noi non siamo guru del cinema (altrimenti mica ci trovavate qui), non possediamo la Walt Disney Company, né tantomeno vantiamo la somma esperienza in cinema di Truffaut.

TOP

Wolfwalkers

Sappiamo che questo non sarà un film facile da recuperare, dato che è originale AppleTv, ma vi consigliamo tantissimo di recuperarlo perché è uno spettacolo per gli occhi. L’animazione di questo film è davvero particolare con una prospettiva tutta sua, un esempio sono edifici con vista dall’alto in fondo al paesaggio con vista ad altezza d’uomo. Ma questo non disturba lo spettatore, perché il disegno è davvero bellissimo e la storia è molto interessante. Segue la vita di due ragazze molto diverse con l’amore per la natura e la libertà. Un film davvero bello. Guardatelo, fatevi un regalo!

The Farewell – Una Bugia Buona

The Farewell è uscito in Italia il 24 Dicembre 2019, dopo infiniti cambi di data, ma il film doveva essere in lista e quindi delega al 24 Dicembre, il blog è nostro, facciamo noi le regole. Abbiamo davvero apprezzato tantissimo il lavoro di Lulu Wang, che racconta una storia personale con arguzia e il giusto grado di comicità; un punto di vista tutto nuovo sulla classica riunione di famiglia. A colpire la sceneggiatura che non sfocia mai nel patetismo, Awkwafina nel ruolo della protagonista Billi e una colonna sonora sorprendentemente potente.

Jojo Rabbit

Raga, non avremmo mai pensato di dirlo ma: che bello questo film con Hitler!

A mani basse film preferito del 2020. C’è tutto: caricature, sarcasmo, drama, belle scarpe, Scarlett Johanson che spacca culi bevendo vino e picchiando nazisti, “nazisti” che si imboccano a vicenda della torta. Il cast è tutto con i controfiocchi, ma Sam Rockwell vi farà morire dal ridere per poi uccidervi un pezzetino di anima, ne siamo sicure.
Non abbiamo mai riso e pianto tanto, contemporaneamente.

E comunque io voglio un capitano Klenzendorf nella mia vita! Me lo merito!

Emma.

Quanti ne abbiamo visti di adattamenti di Emma io non lo so. Tanti. Troppi. Ma questa versione di Autumn de Wilde colpisce fin dal primo momento per il ritmo dato alla storia, l’ironia dilagante, una messa in scena da copertina di Vogue e costumi e scenografie così sbalorditivi, che alla fine del film, abbiamo raccolto la mascella dal pavimento.

La storia ha decisamente un twist contemporaneo ed è probabilmente proprio questo a salvare un film, che altrimenti non sarebbe riuscito a distinguersi da tutti gli altri lavori realizzati partendo dai romanzi della Austen.

1917

A voler descrivere l’ansia con un film, questa è la scelta adatta. Talmente adatta che faccio chapeau a chi è riuscito a vederlo più di una volta. Come avete fatto!? Voi, maestri, confidatemi il vostro segreto!

Il film è un f*****o capolavoro (e si servono gli asterischi). Fotografia fantastica, regia sublime, mai visto un film più coinvolgente; ti viene letteralmente l’ansia di poter essere sparato da un secondo all’altro.

Diciamo che è un ottimo film anche per quei leoni da tastiera che ritenevano bella e molto macho-man la leva obbligatoria, quando la verità è che si mandava bambini a morire.

Tenet

Sarà che è stato uno degli ultimi film che siamo riuscite a vedere in sala, sarà che al cinema c’eravamo noi e il tizio dei popcorn (altro che spiaggia di Mondello), sarà Pattinson finalmente con un ruolo come Dio comanda, sarà quel che sarà ma questo film è stato amore puro. Forse anche perché l’isolamento ci aveva rese aride di sentimenti e sospensione dell’incredulità (provateci voi a sospendervi con la tv scolorita in salotto, mentre siete circondati da gente che urla in smartworking…). Grazie Nolan per questo briciolo di gioia.

Soul

Uscito questo 25 dicembre su Disneyplus. Che dire? Animazione splendida, si potevano contare tutti i pelucchi sul cappello del protagonista! Davvero ottima qualità, con una tecnica mista così ben proporzionata come non si vede dai tempi del Pianeta del tesoro. Davvero un bel film, che fa riflettere su sé stessi, sulle proprie aspirazioni e su cosa fa sentire ognuno di noi libero. Davvero consigliato!

Cattive Acque

Haynes accetta la sfida di Mark Ruffalo e ne esce fuori un modesto ma fulgido gioiello.

L’idea di girare Cattive Acque è infatti partita dall’attore stesso, che non puntava certo ad un film di intrattenimento ma ad un’altissima lezione di moralità. Un vero esempio per il cinema di inchiesta, che con sobrietà e umiltà, punta più a smuovere le coscienze che a diventare solo un altro blockbuster, affidandosi ad una fotografia cupa, torbida, tenente al genere horror, che da quell’ansia giusta che ogni storia di disastro ambientale dovrebbe inculcare in ciascuno di noi.

La Vita Straordinaria di David Copperfield

David Copperfield non è mai stato tanto colorato ed esuberante. Il nuovo film di Armando Iannucci satura i sensi con un continuo accumularsi di elementi; in cui però sono le parole a farla da padrone, in un continuo flusso che non permette mai alla storia di perdere il ritmo e che allo stesso tempo sommerge di informazioni lo spettatore che viene trascinato senza scampo dal flusso di coscienza del protagonista che da alla storia una nota quasi pop, allontanando il grigiore della Rivoluzione Industriale.

Enola Holmes

Premettiamo che questo film ha diviso non solo la critica ma anche la nostra redazione. Lo consigliamo come TOP solo in termini di film Teen, quindi noi risultiamo leggermente fuori target. Però è confezionato bene, una fotografia ottima e costumi e ambientazioni molto azzeccati per il periodo storico. Però riconosciamo che sia un film interessante e sotto alcuni versi davvero geniale. Consigliato!

FLOP

Il Diritto di Opporsi

I dialoghi in questo film non hanno funzionato per niente ed è davvero stressante vedere due ottimi attori principali che però non riescono a sembrare a loro agio e interagiscono tra di loro in maniera rigida. I loro sembrano più monologhi che dialoghi e nonostante ciò che dicano sia di importanza e spessore, le loro parole non servono il film, ma sono più una dichiarazione di carattere sociale, che però non dovrebbe prendere il sopravvento sulla storia.

Bombshell

Il problema principale di questo film è che manca dello stesso mordente che contraddistingue La Grande Scommessa, di cui il film cerca chiaramente di riprendere stile e ritmo. Sarà lo scandalo ancora troppo recente o la natura della vicenda più complessa, almeno dal punto di vista umano e personale. Comunque Bombshell non riesce ad essere abbastanza senza filtri e spietato nei confronti dei personaggi che rappresenta. Sembra che regista e sceneggiatori, giustamente, non se la siano sentita di raccontare uno scandalo di abusi sessuali in modo tanto crudo e diretto. L’impressione finale è quella di un film che avrebbe voluto prendersi più rischi per poi desistere e prendere una strada più convenzionale.

Artemis Fowl

É difficile capire dove siano cominciati esattamente i problemi di questo film, ma una delle prime impressioni è quella di un film martoriato da un montaggio, che ha avuto il nefasto compito di ridurre il minutaggio. Naturalmente questo è solo il problema più evidente di una storia che manca incredibilmente di caratterizzazione dei personaggi e che ha fatto ben troppo affidamento su nomi celebri piuttosto che concentrarsi sul creare un adattamento che avrebbe soddisfatto i fan della serie di romanzi. E il fatto che le premesse fossero ottime, rende il flop ancora più epocale.

Gretel e Hansel

Se avete letto la nostra recensione sapete che visivamente ci ha colpite, ma la pecca non da poco qui è la trama molto enigmatica, piena di simbolismi, che il casual watcher non riesce a comprendere in una singola, forse neanche doppia visione. Peccato!

Lilly e il Vagabondo (remake)

Sappiamo che il film è del 2019, ma è stato distribuito su Disney+ in Italia solo a marzo 2020, quindi abbiamo potuto vederlo solo quest’anno. Complessivamente non è un brutto film ma non ci ha trasmesso le stesse emozioni dell’originale in 2D. Prendiamo l’esempio della famosissima scena di Bella Notte: sì, ci hanno provato, ma la nostra espressione è rimasta impassibile per tutta la visione. Almeno il lyrics è rimasto lo stesso, una volta tanto in un film remake live action.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...