Mulan – Il famigerato remake

Una confessione prima di iniziare: ammetto di aver aspettato che il remake del 36° classico Disney diventasse gratis su Disney + per prenderne visione, perché le recensioni non davano buone prospettive e confesso che non ero nemmeno propensa a guardare questo film (e il fatto che avesse in origine un prezzo da non sottovalutare, non ha reso tutto più facile).

Non solo la storia è stata modificata, volendo citare La ballata di Mulan da cui è stato tratto anche il classico disney originario, ma tutta la controversia verso il film stesso e l’attrice protagonista, Liu Yifei, mi avevano allontanato ancora di più dal voler prendere visione della pellicola…

Ma ora siamo qui e dopo questa spinosa introduzione passiamo alla recensione di Mulan film del 2020 disponibile per intero su Disney+:

Siamo in una desertica, molto desertica (aiutatemi a dire desertica) Cina e la nostra storia ha come protagonista Hua Mulan (non Fa) che nasce con un Chi molto potente, destinato solo ai guerrieri. Sin da piccola la nostra Mulan deve capire di dover stare al suo posto e di aspirare a diventare una buona moglie, con l’aiuto della mezzana che avrà il compito di trovarle un marito.

Nel mentre la Cina è attaccata dai rouran capitanati da Bori Khan (equivalente di Shan – Yu) e da una…strega…oook… e quindi l’Imperatore ordina che un uomo di ogni famiglia scenda in guerra per difendere la Cina. Mulan deciderà di prendere il posto di suo padre, che non sarebbe in grado di sopravvivere un’altra guerra essendo già ferito ad una gamba, spacciandosi per il figlio di quest’ultimo chiamato Hua Jun (e non Fa Ping).

Come già citato, la storia segue la trama de La ballata di Mulan, o almeno vorrebbe farlo: perché non solo hanno tolto Mushu, facendoci ipotizzare un loro desiderio di eliminare riferimenti mitici o magici, ma al suo posto c’è una strega e altri elementi sovrannaturali… oook…

Avete poi tolto il generale Li Shang (del quale si innamorava Mulan) per un motivo assurdo, ovvero per non rappresentare sullo schermo una relazione tra una figura superiore maschile e una figura femminile, a lui sottoposta, perché inappropriato… ooook ancora…

E poi…mi dispiace ma in generale il film lo avete reso poco memorabile, con personaggi (tra cui purtroppo la stessa protagonista) poco approfonditi, bidimensionali, “asettici” e dimenticabilissimi.

Nota positiva però è la fotografia. Davvero, davvero bella (principalmente nei luoghi chiusi) e ho apprezzato dei tentativi di inserire delle colonne sonore che richiamassero il cartone originario, seppure questo remake non sia un musical.

E ora parliamo di un altro elefante nella stanza.. i combattimenti o coreografie, perché a parer mio sembrano dei balletti che farebbero invidiare il Cirque de Soleil. La domanda è…perché? PERCHÉ rendere tutto TROPPO…troppo? Non servivano delle acrobazie direttamente provenienti da film come La foresta dei pugnali volanti! (seppure si parli sempre di un film ambientato in Cina, ma avete capito il punto)

In generale sono davvero delusa da questo film, perché potevano fare mooooooolto di più dando una chiave più realistica alla storia di Mulan, distaccandosi dalla “tradizione” (se così si può dire) Disneyana di mettere un fondo di magia in alcuni dei loro film.

Per chiudere dico che no, non promuovo questo film, mi dispiace davvero ma non mi ha lasciato niente…

Vi lascio al trailer, ci vediamo alla prossima recensione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...