Se succede qualcosa vi voglio bene – Cortometraggio

Oggi andiamo a recensire il cortometraggio Se succede qualcosa vi voglio bene, disponibile dal 20 novembre sulla piattaforma Netflix.

Sono molte le parole con cui potrei definire questo corto: struggente, forte, commovente, crudo… ma quello che mi viene da usare è REALE. Purtroppo.

Il tema principale di questo corto è l’elaborazione del lutto.

Cominciamo col dire che, il lutto non si può riassumere in poche parole, perché è soggettivo. Ognuno di noi lo vive in modo diverso, ed è giusto così.

I protagonisti, devastati dalla perdita prematura della figlia, lentamente si chiudono nel silenzio mettendo tra loro un muro. Non riescono a guardarsi, ne a toccarsi, biasimando sé stessi o il partner per l’accaduto. Tutto si fa cupo, grigio, morto.

L’ambiente è spoglio. I personaggi, come per rispecchiare la loro situazione, sono isolati e hanno pochi elementi di riferimento, che compaiono solo quando loro li usano: come il tavolo, le scale e le porte. Il gatto è l’unico che vede oltre questo muro, con l’ingenuità di un bambino che forse non ha ancora capito cosa sia successo.

Solo alcuni oggetti che gli ricordano la loro bambina sono colorati, ovvero la maglietta e la pittura sul muro che sono di colore azzurro. Come se fossero all’interno di un perenne sogno, in questo caso un incubo, e gli oggetti appartenuti alla piccola fossero l’unico elemento che li tiene attaccati alla realtà.

Non ci sono dialoghi, ma non servono. La regia di questo corto è ottima e ci racconta episodi importanti per questa famiglia con grande dolcezza e delicatezza.

Bello l’uso delle ombre, come rappresentazione dei sentimenti che sono stati messi da parte, delle parole che si vorrebbero dire ma che l’incomunicabilità lo impedisce. Noi vediamo due mondi che si uniscono, il passato e il non detto con la realtà attuale, apatica e spenta.

Mi sono emozionata molto durante la visione di questo corto, perchè, purtoppo, ognuno di noi si può immedesimare con i protagonisti. Tutti noi abbiamo subito un lutto importante, chi più o chi meno.

No so se questo corto sia tratto da una storia vera, io suppongo di si, perché purtroppo orrori come questo sono successi in America, anche troppo spesso.

Vi consiglio molto la visione di questo corto, perché va visto e anche perché un tema delicato come la perdita di un figlio non sempre viene trattato con così tanta dolcezza, poesia e purezza.

Verdetto: Approvato!

Alla prossima recensione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...