Shadowhunters 3×11: Leopardi in confronto stava meglio – SPOILER

Assaporate il dramma.

Assaporate il pathos.

E ora mettetelo da parte perché the trash is back. Shadowhunters è di nuovo qui e di conseguenza rieccoci spuntare come Gollum quando capta la presenza dell’anello del potere.

Quindi non perdiamoci in chiacchiere e cominciamo questa lunga recensione di questo primo episodio della stagione 3B che è stato ricco di avvenimenti. Tanti avvenimenti. Forse troppi avvenimenti.

Dalla serie che venne Lilith che resuscitò Jonathan, che rapì Clary, che salvò Jace, che innervosì Alec, che parlò con Izzy, che chiamò Maya, che andò da Simon che al mercato mio padre comprò.

Voi riderete ma è un riassunto decisamente accurato degli eventi del primo episodio. Ma andiamo nel dettaglio altrimenti le gif idiote dove le mettiamo?

L’episodio si apre, passano 15 secondi in croce e già si parte con gli effetti beceri mentre il trio delle meraviglie va all’attacco dell’ultimo malcapitato che si ritrova a infrangere le leggi di Alicante.

Che poi da che pulpito…

Comunque, andiamo avanti, Jace preso dai sensi di colpa del sopravvissuto dopo la presunta morte di Clary e con atteggiamenti decisamente autolesionisti per poco non si fa ammazzare, con somma delusione di Alec, che non può credere di dovere ancora dover fare da babysitter al fratello dopo tutto questo tempo. Un attimo ed ecco che il *disappointed look* torna con la forza di un demone superiore.

Ma, a discolpa di Jace, non è che Simon se la passi molto meglio mentre annega nei sensi di colpa.

E mentre tutti se deprimono per Clary, ricordando i bei tempi andati mentre fissano l’orizzonte, ci sorbiamo pure la serie di flashback strappalacrime con il top della musica deprimente. Toda joia toda beleza proprio.

Tutto ciò mentre in realtà Clary è sparata in Siberia con la versione povera di Sebastian Jonathan, perché non avevamo più il cash per l’attore bravo. Che alla prima inquadratura la reazione è stata “e questo ora chi è?”.

Comunque Jonathan di riserva e Clary si fanno la prima chiacchierata per rammendare i rapporti in questa famiglia allo sfascio. Come potete immaginare la conversazione va uno schifo e Clary dall’alto della sua lungimiranza scappa nel bel mezzo delle nevi siberiane. Molto Biancaneve. Che poesia.

E proprio quando pensavamo di non poterne più ecco arrivare i Malec con questa bella immagine da famiglia del Mulino Bianco che rallegra gli animi. Una gioia.

Ma la felicità dura poco perché, mentre Simon se lagna, a Jace vengono i 5 minuti e comincia a distruggere proprietà dell’Istituto e Izzy deve intervenire per impedirgli di fare qualcosa di parecchio stupido, pure per i suoi standard. Ragazzi, due conversazioni strappalacrime in 5 minuti.

E proprio mentre pensavo di essermi meritata due minuti di tregua con Alec, Magnus e Madzie ecco che in trenta secondi la situazione precipita oltre ogni misura con

  1. Magnus che se deprime perché Madzie può far comparire luci a forma di luna e lui no.
  2. Iris che tra tante cose che poteva fare con la sua libertà ritrovata proprio al rapimento di minori si doveva dare?
  3. Alec non sa chi è Baz Luhrmann.

Ma i fratelli Lightwood mi danno soddisfazione: Alec incastra Jace e gli chiede molto caldamente “ma ti ripigli?”, prima di metterlo in panchina, e IzzyGioiaMia fa capire a Maya che non se ne puó andare ogni volta che c’ha genio. Cioè sei un’adulta, affrontali problemi. Coerenza nella vita, Maya. Coerenza, questa sconosciuta.

Manco puoi tirare un sospiro di sollievo e fare una standing ovation, che i sopra citati Lightwood Bros. perdono il sale in zucca che avevano guadagnato e se portano un Magnus, senza poteri e senza eye-line, a cercare Iris. E gli danno pure una spada!

Ma che vi dice il cervello?

Poi si fanno buttare per aria dalla suddetta Iris, che rapisce Magnus con un movimento di lazo che manco nel far west.

Si torna alla famiglia disadattata. Jonathan, che sarà pure fuori come un lampione, lungi dal negarlo, sa tuttavia come aguzzare l’ingegno. Salva la sora che vuole fare Popoff, che sbuffa sbuffa e dopo un po’ gli si affonda lo stivale e nella neve resta lì.

Alla lunga lista dei personaggi che è ormai fuor di cucuzza si aggiunge pure Luke, che fino a questo momento era stato il nume della ragione, ma che è finito dritto dritto nella rete delle teorie del complotto e si nasconde in una camera d’albergo con tende tirate, mappe attaccate al muro e bicipiti de fuori; mentre vaneggia, giustamente, con Jace di appartamenti che svaniscono nel nulla. Cioè pure il nostro Shadowhunter dalla chioma d’oro, dall’alto della sua instabilità, è perplesso.

Nel frattempo Iris tortura Magnus e la Freeform tortura noi con dei green screen indecenti. Ma per fortuna i Lightwood Bros. corrono al salvataggio e la strega cattiva viene arrestata. Again. La storia della sua vita insomma.

Magnus però, che senza magia si sente inutile, è più depresso che mai (pure lui. Three is the magic number insomma) e chiede ad Alec di essere il suo sensei per non essere più bullizzato.

Nel mentre di ‘sto popo de trama, Alec ed Izzy cominciano a sospettare che il Conclave torturi i prigionieri. Hanno ragione. Manco un episodio e riecco quell’aria da Inquisizione Spagnola che ci era tanto mancata.

E se avevate dubbi, ecco arrivare la console Penhallow, che aspetta la morte di Clary per perdonarla e si dimostra come sempre una grandissima … spina nel fianco. In questo caso il fianco di Alec. Ma dettagli.

In quel della Siberia invece, la rossa non ha ben capito che, se tenta di ammazzare Jonathan, crepa pure lei. Cioè Lilith te l’ha detto. Concentrati Clary. Non fare che visualizzi e non rispondi.

Concludiamo questa fiera delle oscenità con Simon che vuole liberarsi del marchio alla Sailor Moon e chiede consiglio a Raphael che, dall’alto dell’essere un vampiro redento, lo manda allegramente a conversare con un vampiro asociale nascosto da qualche parte nelle fogne di New York. Mai una cosa facile, oh.

E con questo susseguirsi infinito di avvenimenti che mi lascia inebriata e confusa vi saluto con il trailer del prossimo episodio e vi do appuntamento tra una settimana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...