TotoOscar2019 e i nostri brutti presentimenti

Allora quest’anno dire che partiamo male  è un eufemismo:

  • niente presentatore, che di solito è l’unico elemento a dare un po’ di sprint alla serata che quest’anno si prospetta ricca di caffè;
  • la faida montatori/direttori della fotografia/ Academy che è stata un’unica gigantesca figura di m***a. Che amarezza;
  • niente esibizione di Lamar con la canzone di Black Panther;
  • prospettiva di un red carpet da incubo;
  • se poi aggiungiamo il fatto che il tutto comincerà in piena nottata per noi, allora altro che #Oscar19, quest’anno è #allegriadinaufragi.

Ma noi non ci arrendiamo e torniamo con le nostre previsioni inaffidabili, che verrano puntualmente smentite con l’articolo di domani mattina.

BEST PICTURE

Green Book: non solo il film è bello, ma è pure socialmente impegnato e politically correct. Una combo che ci fa prevedere la reazione dei membri dell’Academy…

giphy (2)

BEST DIRECTOR

Alfonso Cuarón – ROMA: ogni anno c’è un film per cui tifiamo spudoratamente. Se non lo avessimo già fatto capire in precedenza per noi è ROMA. Merita il mondo.

BEST ACTOR

Rami Malek – Bohemian Rhapsody:  senza se e senza ma. Se poi se lo meriti il premio è tutto un altro discorso, ma non si può negare che è una performance che nessuno sembra poter dimenticare.

BEST ACTRESS

Yalitza Aparicio – ROMA/ Glenn Close – The Wife: qui non sappiamo se vincerà la Close, come da pronostici, oppure se con un colpo di scena l’improvvisa nomination della Aparicio cambierà le carte in tavola. Lo scopriremo solo vivendo.

BEST SUPPORTING ACTOR

Mahershala Ali – Green Book: vedesi reazione in Best Picture. E poi lui è bravo. Ma assai proprio.

BEST SUPPORTING ACTRESS

Rachel Weisz – La Favorita: la categoria quest’anno non è facile, ma la Weisz ha quel qualcosa in più che potrebbe valerle la statuetta.

BEST ORIGINAL SCREENPLAY

La Favorita/ROMA:  dalla serie drammi contemporanei. To be or not to be? Dolce o salato?  Sceneggiatura bella o sceneggiatura bella?

BEST ADAPTED SCREENPLAY

BlacKkKlansman: è troppo poco politicamente corretto. Ma sperare non ha mai fatto male a nessuno.

BEST ANIMATED FEATURE FILM

Spider-Man: Into the Spider-Verse: per una volta che la Sony ne fa una buona. Concedeteglielo.

BEST FOREIGN LANGUAGE FILM

ROMA: tutti i film in categoria sono davvero bellissimi. Ma again, siamo di parte. #sorrynotsorry

BEST ORIGINAL SCORE

Black Panther: cioè hanno fatto piacere il rap a noi. É una motivazione più che sufficiente per portarsi a casa la statuetta.

BEST ORIGINAL SONG

Shallow: perché Bradley Cooper canta bene e lo si può negare (per nostra somma sorpresa).

BEST SOUND EDITING

Bohemian Rhapsody: non pensiamo di dover motivare la nostra scelta, no?

BEST SOUND MIXING

Bohemian Rhapsody: Idem come sopra.

BEST PRODUCTION DESIGN

La Favorita: perché è tutto così minuziosamente perfetto.

BEST CINEMATOGRAPHY

ROMA: potrebbe giocarsela con Cold War, ma noi ci illudiamo e andiamo avanti.

BEST MAKE-UP AND HAIRSTYLING

Maria Regina di Scozia: ma voi avete capito che sono riusciti a fare sembrare Margot Robbie poco attraente?

BEST COSTUME DESIGN

Black Panther: qua ci illudiamo pesantemente. Perché le possibilità che Sandy Powell si porti a casa la quarta statuetta per La Favorita sono alte.

BEST FILM EDITING

Bohemian Rhapsody: Quando puoi piazzare le musiche dei Queen dove vuoi, è facile.

BEST VISUAL EFFECT

Avengers: Infinity War: Ti piace vincere facile?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...