Serie TV Top&Flop 2017 e la leggenda della bilancia scomparsa

Dopo i film ci tocca anche un piccolo recap delle serie tv, giusto per tirare le somme di un anno che non sembra essere andato proprio benissimo, ma neanche male come ci saremmo aspettate.

Ricordiamo le nostre linee guide nello stilare questa lista di top(5) e flop(5) del 2017; a onor del vero se avete letto quella dei film potete saltare allegramente il nostro mezzo decalogo e passare alla parte succulenta, ma per chi se lo fosse perso:

  • le serie tv prese in considerazione sono quelli visionate dalla redazione e trasmesse da Settembre 2016 (stagione 16/17) ad oggi 30 Dicembre 2017.
  • quando scriviamo top&flop non intendiamo il tutto in maniera assoluta e con flop intendiamo prevalentemente i titoli da cui ci aspettavamo di più; che ci hanno deluso, non serie orribili che dovrebbero essere bandite dalle reti televisive a vita.
  • noi non siamo guru delle case di produzione, non possediamo la CW(magari), né tantomeno vantiamo l’intuito di Shonda Rhimes. Ricordate che tutto è relativo.

TOP

SENSE8- Season 2

Per chi non l’avesse capito a noi non piace Sense8. Noi siamo ossessionate con Sense8. E di questa season 2 avevamo bisogno come si ha bisogno del pandoro a Natale. Lana ha creato una serie incredibilmente interessante, che ci ha portato letteralmente in tutto il mondo, con personaggi (principali e non) che ci hanno fatto innamorare ogni episodio di più. E questa season 2 ci ha appassionato anche più della prima e ci ha reso per sempre fedeli del culto dell’infradito. Queste so’ soddisfazioni!

tumblr_opjjt3FozM1rlo78oo1_500

STRANGER THINGS- Season 2

C’erano davvero pochi dubbi sulla riuscita della season 2 di Stranger Things. C’è bastato uno sguardo al primo trailer, dopo una prima stagione da urlo, per capire che la seconda non ci avrebbe deluso e ci avrebbe portato al binge watching compulsivo, della serie che gente dopo 24 ore dall’uscita aveva già visto tutto, fatto un rewatch, ridato un’occhiata alla prima per controllare che tutto filasse ed era già partita all’attacco con #season3. Noi amiamo i personaggi, soprattutto Dustin che ha fatto breccia nei nostri cuori ed è ormai la nostra mascotte e Hopper, che è uno dei personaggi più belli di sempre.

giphy-5_vspxov

HANDMAID’S TALE-Season 1

Femmista fino al midollo, cattiva, cruda, violenta e spaventosamente realistica.
Aspra denuncia e critica verso i fanatismi religiosi e politici di ogni tempo, verso l’ignoranza e l’indifferenza sociale; “Il racconto dell’ancella” era tutto quello che mancava al nostro 2017.
Ci siamo innamorate di tutte le nostre sfortunate ancelle e non vediamo l’ora di scoprire il futuro di June e di tutte le altre nella distopica realtà misogina e sessista di Gilead.

giphy

DEAR WHITE PEOPLE-Season 1

Qui è stato amore a prima inquadratura. Già il titolo assicurava una bella dose di politicamente scorretto, che a noi non basta mai: leggero, divertente, strabordante di frecciatine e con una serie di personaggi ben caratterizzati. Interessante anche il format, con episodi di circa 30 minuti, che analizzano in continuazione la stessa serie di avvenimenti, ma dal punto di vista dei diversi protagonisti. Insomma, una piccola perla da recuperare in attesa della season 2!

tumblr_ol4acrt4o01qa4l1ko8_540

GRACE&FRANKIE- Season 3

Noi vorremmo invecchiare come loro. Anzi ci basterebbe essere come Grace e Frankie anche adesso, visto che anche ad 80 anni suonati queste due donzelle sembrano decisamente più attive e socialmente impegnate di noi. La verità è che questa è una serie senza precedenti e mai due anziane erano state rappresentate così, sboccate e sessualmente attive; diciamo che raramente ci è capitato di vedere due personaggi over50 baciarsi, figurarsi vederli armeggiare con dei vibratori. Noi, per inciso, preferiamo di gran lunga questa versione fresca e spigliata.

tumblr_p0x613BRYM1sdkovlo1_500

FLOP

OUTLANDER- Season 3

Ridatemi re James e il suo spocchioso accento posh.
Ridatemi Murtagh, il piccolo Fergus, Agnus, dannazione anche Dougal e Black Jack se necessario, ma ridatemi la narrazione che ci eravamo guadagnati nella seconda stagione! Cos’è questo ritmo lento, fatto di tempi morti e scene senza senso?

Si, siamo consapevoli che il tutto si ispira da un harmony e quindi la trama è quella che è, ma perché tutta la stagione non è stata all’altezza degli ultimi due episodi!? Perché poi tutto è stato fatto di fretta nelle ultime puntate, quando si poteva benissimo tagliare in altri punti!? Per l’amor di Dio, Starz ripigliate.

giphy (1)

INHUMANS

Dobbiamo veramente stare  qui a parlarne? Dialoghi della consistenza di un marshmallow, scenografia e costumi dalla dubbia provenienza e in generale una serie lontana anni luce da qualsiasi altro prodotto con MARVEL scritto da qualche parte. Infatti non è sopravvissuto al primo episodio. Morto sul nascere, insomma.

tumblr_otf6mds_VEV1tlgqkgo3_540

IRON FIST-Season 1

Hello Marvel my old friend… Tra le sei serie prodotte da Netflix sui supereroi della Marvel questa è quella che ci ha soddisfatto di meno; cose che succedono quando cerchi di tirare fuori 3/4 stagioni l’anno, continuative tra di loro, intrecciando i percorsi di molteplici team di lavoro. Il Danny Rand di Netflix è un buona versione di Iron Fist, ma il suo sviluppo è debole e trascina questo suo non essere ben definito anche in the Defenders: il problema principale è che l’intera stagione è servita soltanto per creare la situazione preesistente della serie che univa i 4 supereroi, trasformando Danny Rand da fulcro della vicenda ad appendice da trascinare in giro a forza. Ma l’incipit ci piace e i personaggi hanno potenziale e quindi siamo prontissime a dargli una seconda speranza nella prossima stagione!

vision

GAME OF THRONES- Season 7

Qui io già mi immagino i vostri sguardi minacciosi e i forconi. Ma dobbiamo ammettere, in tutta onestà, che questa stagione è andata avanti all’insegna del fan-service, che più che la serie di punta della HBO sembrava di avere davanti una fanfiction con fin troppo sesso. Alcuni dei nostri personaggi preferiti sono stati brutalmente asfaltati da scene imbarazzanti e la linea temporale era così incasinata che la gente ha chiamato Christopher Nolan per chiedere delucidazioni. Capiamo che questa stagione aveva l’unico compito di gettare solide fondamenta per la stagione finale, ma non possono esserci episodi interi di calma piatta, per poi far sparare tutto all’improvviso come un petardo.

source

SHADOWHUNTERS- Season 2

Noi non abbiamo problemi col trash, né tantomeno con Shadowhunters; ma questa season 2 è stato un mix al di là della nostra comprensione. Avevamo capito fin da subito che non avevano intenzione di seguire molto i libri, ma un minimo di continuità narrativa non sarebbe stata male: si salta dal primo libro, al terzo, poi si fa il secondo in due puntate, poi di nuovo il terzo, a concludere con un triplo salto carpiato che cade in terre inesplorate, che a questo punto ci spaventano parecchio. Nota positiva restano i Malec. Ship della vita ora e per il resto dei nostri giorni.

5eb9c219-66f4-408c-8268-587d1823f266

E con questo articolo si conclude il nostro 2017! Abbiamo già tanti propositi per il 2018, che dimenticheremo nelle prossime 12 ore. Vi auguriamo un buon anno e felici Hunger Games a tutti!

Un pensiero su “Serie TV Top&Flop 2017 e la leggenda della bilancia scomparsa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...