Runaways- NO Spoiler

Il Natale si avvicina e la Marvel ha già cominciato a distribuire regali sotto forma di serie tv. Come se non avessimo già problemi a vedere tutte quelle che seguiamo dall’anno scorso.

lVDdgCL

Archiviato il triste capitolo Inhumans, Novembre ci porta la tanto attesa e annunciata e rimandata e pubblicizzata The Punisher e ci regala Runaways. E che regalo gente.

tenor

Per questa produzione, Marvel dice ciao a Netflix e si affianca ad Hulu, per realizzare una serie che ci ha fatto innamorare, nonostante sia passata, per il momento, quasi inosservata in Italia.

La trama è molto semplice: un gruppo di ragazzini scopre casualmente che i propri genitori sono membri di un’organizzazione criminale/setta/nonabbiamoancoracapiton chiamata Pride (Orgoglio n.d.r.).

shrug-house

Al momento siamo al terzo di dieci episodi e promette davvero bene. La storia rientra all’interno del Marvel Cinematic Universe, associandosi molto alle serie tv prodotte da Netflix. Nella serie lasciamo New York per spostarci a Los Angeles, ridandoci ambienti e dinamiche che sono uno strano mix tra le indagini di Veronica Mars e quel Malibù feel che ci ricorda i primi film (bellibellissimivipregoridateceli) di Iron Man.

giphy

Il cast dei protagonisti è composto principalmente da volti nuovi, tranne che per un poco conosciuto Gregg Sulkin. E non se la cavano affatto male, che è tutto dire considerando gli standard attuali.

La serie si apre con un riavvicinamento dei ragazzi, molto uniti tra loro fino ad un paio di anni precedenti l’inizio della serie, che si ritrovano insieme a dover scoprire cosa stanno combinando i loro genitori, cercando nel frattempo di ritrovare un rapporto che sembra rotto per sempre, ora che i sei bambini si sono trasformati in sei adolescenti decisamente diversi tra di loro. Le interazioni tra di loro si prospettano molto interessanti.

Vedere i genitori è stato invece un colpo al cuore, perché abbiamo improvvisamente realizzato di essere invecchiate e che gli attori della nostra adolescenza, che al tempo erano pischelli, ora hanno le rughe e i capelli bianchi e interpretano i papà e le mamme di adolescenti.

giphy (1)

Il papà di Chase, uno dei ragazzi del gruppo, è interpretato da James Marsters. Ve lo ricordate Spike di Buffy? Ecco lui. Ha abbandonato il biondo platino per il sale e pepe e il suo bel cappotto di pelle per giacca e cravatta e qui dobbiamo ancora riprenderci per lo shock, che noi ancora facciamo gli schieramenti Team Angel vs. Team Spike.

When-He-Dangerously-Playful
Team Spike toda vida btw.

Annie Wersching è la mamma di Karoline. Recitava in 24 ed è stata puntualmente l’acida manipolatrice in ogni serie tv che si rispetti andata in onda dal 2002 in poi. Possiamo anticiparvi che neanche qui brilla per simpatia, ma penso che già ad “organizzazione criminale” si fosse capito.

Padre di Gert e Molly è invece Kevin Weisman e il nome potrà non dirvi molto, ma se avete visto Alias una volta nella vostra vita vi ricorderete sicuramente di Marshall, con le sue spiegazioni tecniche prolisse non richieste e le sue battute discutibili.

Tutti loro sono genitori e geni del male(?) e una delle parte più interessante del film è proprio vedere la relazione di questi personaggi con i figli e il rapporto con la loro doppia vita. Dobbiamo ammettere che supercattivi che ordinano la pizza per i figli e sparlano dei loro amici supercattivi sono una novità dell’Universo Marvel e non vediamo l’ora di vedere il prossimo episodio, che arriverà su Hulu questo mercoledì. Vi lasciamo il trailer e se l’avete visto fateci sapere cosa ne pensate!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...