“Noi siamo tutto” – anche detto “Tutto tutto, niente niente” [ANTEPRIMA]

Ed eccoci a parlare di uno dei film più “attesi” dell’edizione di questo festival e non solo. Un film atteso da tutte le giovincelle che aspettano con tanta ansia il film strappalacrime dell’anno, che uscirà nelle sale italiane a Settembre, ma che noi abbiamo avuto la sfortunata fortuna di vedere in anteprima, grazie al Giffoni.

Ebbene sì, parliamo proprio del film “tutto tutto, niente niente.”

Si sa, le traduzioni italiane dei titoli di film/serie tv/libri QUALUNQUE COSA fanno pena  – vedi “Noi siamo infinito”, “Le regole del delitto perfetto”, “ Donne regole e… tanti guai!”, “SE MI LASCI TI CANCELLO” (e io dopo sti titoli, ti denuncio!) e altri sciagurati esempi – Non c’è già molta speranza, quando poi il titolo originale è EVERYTHING EVERYTHING, hai perso in partenza.

giphy (1).gif

Viviamo in un’era dominata da young adults tristi.
“Noi siamo tutto” sembra andare in quella direzione.

Madeline (Amandla Stenberg) ha diciotto anni e soffre di una rara immunodeficienza che la costringe a rimanere chiusa in casa. Qui passa le sue giornate in modo produttivo.

Guardando video di gattini.

La sua vita viene sconvolta con l’arrivo dei nuovi vicini, che sin dall’inizio si dimostrano molto cordiali. Specialmente Olly (Nick Robinson). Lui è anche troppo cordiale, anche dopo che gli è stato urlato in sala prima della proiezione del film “BELLISSIMO!!!”.

Tra i due nasce qualcosa (chissà cosa) e ciò porta Madeline a compiere scelte che potrebbero mettere a repentaglio la sua salute.

Non vado oltre perché il film esce in Italia il 21 settembre e non voglio (posso?) fare spoiler ma vi dico che il finale è stato inaspettatamente un colpo di scena.

giphy (3).gif

A me questo film è piaciuto perché nonostante all’apparenza possa sembrare banale, ci sono degli elementi simpatici che lo differenziano dagli altri teen movies.
Poi per una volta il rapporto tra i due è davvero approfondito e graduale, non il classico “lo conosco da un giorno, ma sa già tutto di me e domani ci sposiamo”.
Quindi se avete voglia di un film leggero, potrebbe piacervi.

Considerazioni generali:

  • Nick Robinson è un piacere per gli occhi, grazie Giffoni.
  • Durante il film, tra un applauso molesto e l’altro, commentavamo come nonostante sia rimasta chiusa in casa per diciotto anni, la vita di Madeline sia migliore della nostra.
  • Ogni volta che inquadravano Amandla vedevo Rue morire.
giphy (2).gif
Ancora non l’ho superata.
  • Vale la pena vivere se non si vive davvero? Come si fa a capire se stiamo vivendo la nostra vita appieno? Ma soprattutto, A CHE DIAMINE SERVONO QUESTI COSI CHE CI HANNO DATO DOPO L’ANTEPRIMA?

Foto 26-07-17, 17 15 41

Siamo ben oltre la fine del festival ed nessuno in redazione ha ancora capito a cosa servono. Urge delucidazione.

 

 

Un pensiero su ““Noi siamo tutto” – anche detto “Tutto tutto, niente niente” [ANTEPRIMA]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...